Crostini al tartufo

Crostini al tartufo di Acqualagna

La ricetta dei crostini è storica e tramandata nelle case dei contadine della vallata del Metauro, dove come integrazione al reddito agricolo, era usanza andare alla ricerca del pregiato tartufo.

In famiglia, con i tartufi più piccoli o rotti dal cane con le unghia, alla domenica ci si poteva concedere il lusso di pietanze con tartufo.

crostini al tartufo di acqualagna

Ora in molte ricette (rivisitate e modernizzate) all’interno come ingrediente è consuetudine trovare il parmigiano, ma è un falso in quanto un secolo fa i contadini della provincia di Pesaro non se lo potevano assolutamente permettere.

Quella che vi propongo è una ricetta base, utilizzabile con ogni specie di tartufo, unica accortezza è quella di lavorare il tartufo fresco in maniera corretta.

Ricordate che il tartufo nero va grattugiato e cotto – Escluso il nero pregiato – mentre il bianco ed il bianchetto andranno affettati sopra alla salsa.

banner

 

Difficoltà: Facile
Tempo: 30 Minuti

INGREDIENTI per 2 persone:

50gr. di tartufo fresco di stagione
125 gr. di Burro
1 cucchiaio di Farina
Pane

Sale q.b.
200 ml di Brodo di carne/vegetale a seconda dei gusti

banner

PROCEDIMENTO:

Come consuetudine delle vere casalinghe, le dosi di nonna sono ad occhio!
Io, comunque, ho cercato di indicarvi le quantità giuste per due porzioni.

In una piccola casseruola sciogliete 125 gr. di burro, aggiungete fuori dal fuoco, un cucchiaio colmo di farina, mescolate energeticamente fino ad ottenere un impasto cremoso (come la base della besciamella) a questo punto aggiungete 200 ml di brodo (scegliete voi che tipo: carne/vegetale) ed infine 50 gr. di tartufo nero estivo macinato fresco, utilizzate una semplice grattugia, aggiungete sale quanto basta, sappiate che il sale aumenta il sapore del tartufo nero.

Fate cuocere e ridurre la salsa per alcuni minuti, nel frattempo tostate del pane casereccio, una volta preparato il tutto cospargerete le fette con  la riduzione ottenuta.

Vi consiglio di gustare i crostini caldi, accompagnati da un ottimo Bianchello del Metauro Doc.

Buon appetito!

Alessandro Benvenuti

banner

In caso di assenza di tartufo fresco di stagione, potrete sostituirlo con le nostre Scaglie/Briciole di tartufo.

 

Riassumendo...
recipe image
Nome ricetta
Crostini al tartufo di Acqualagna
pubblicata il
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
Voto medio
51star1star1star1star1star Based on 1 Review(s)
Condividi:

Rispondi